Suoni e riciclo: la Banda Riciclò

banda_riciclo_02

Mi dispiace per essere mancata tutto questo tempo, ma i concerti di fine anno mi hanno completamente assorbita!

Ormai un pò tutti conoscono la mia passione per il riciclo, e soprattutto per la creazione di strumenti musicali creati con materiale recuperato. Ma penso che la mia massima soddisfazione l’abbia avuta con un progetto che ho seguito di recente nella scuola dove insegno, dove sono riuscita a creare una BANDA che ha suonato esclusivamente strumenti creati con materiale riciclato.

Come ogni banda che si rispetti, anche questa è stata divisa in sezioni, la particolarità però è che questa suddivisione era dettata dal tipo di materiale.

banda_riciclo_01

E per questo motivo ho organizzato tre gruppi:

  • PLASTICA (bottiglie di tutte le dimensioni, scatole…)
  • LATTA (barattoli, e contenitori)
  • LEGNO (bastoni e spezzoni di ogni genere)

L’altra sfida è stata organizzare questa banda con tre fasce d’età diverse, l’ultimo ciclo della materna, una IV elementare, e un IV liceo scientifico. Immaginate quanto materiale ho dovuto reperire, eravamo più di 50!!! Ma a parte la fatica, devo ammettere che la cosa è riuscita alla grande, i più grandi si sono presi cura dei più piccoli, e i piccoli spinti dai grandi hanno lavorato di più e meglio!

La banda dopo lunghe prove si è esibita in occasione della Marcia della Pace organizzata dall’Unicef  per le strade del quartiere Vomero di Napoli. E’ stato bellissimo, i bambini e i ragazzi hanno dato il massimo e in centinaia li hanno visti!

Leggevo, mentre suonavamo, l’emozione nei loro occhi e i loro sorrisi descrivano quanto erano felici di suonare per tutti i loro compagni che passavano avanti!

Un’esperienza che non dimenticherò, una grande fatica premiata però da quel giorno, eravamo un gruppo, unito, eravamo proprio una banda!

banda_riciclo_03

Per chi fosse curioso può andare a vedere alcune foto qui! Modestamente siamo bellissimi!!! 🙂

 

 

Posted in Musica e Sperimentazione and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *