Uno strumento musicale natalizio

NATALE_2014_01

Ciao a tutti!

Oggi per voi un semplicissimo strumento musicale che potrete utilizzare per suonare con i bimbi le canzoni di natale.

MATERIALE

  • pallina di plastica apribile trasparente
  • riso
  • stelline

E’ veramente semplice realizzarlo perchè basterà inserire all’interno della pallina del riso, per renderlo ancora più accattivante per i bimbi, inserite delle stelline o dei fiocchi di neve, ed infine completate il tutto con un fiocco!

Read more

Palo della pioggia home made

Palo della pioggia home made

palopioggia_05

Ciao a tutti! Mi dispiace essere stata così a lungo lontana da questo mio piccolo spazio sonoro ricicloso, ma con l’inizio della scuola gli impegni sono triplicati! In compenso posso dirvi che ho cartelle piene di foto di sturmenti da farvi vedere che spero di mostrarvi al più presto!

Oggi parliamo del palo della pioggia uno strumento molto amato da grandi e piccini, il suo suono è rilassante ascoltando vi sembrerà di stare su una spiaggia, basterà chiudere gli occhi per un attimo e tutto intorno a voi cambierà! Io lo utilizzo molto quanto racconto favole ambientate in luogo dove l’acqua ha un ruolo importante! E’ un suono che amo infatti troverete su questo blog altri articoli che parlano di suoni acquatici!

palopioggia_01

I miei piccoli allievi della materna, come vi ho già raccontato altre volte costruiscono autonomamente gli strumenti musicali a casa con grande sorpresa delle loro mamme, e poi me li portano a scuola e suonarli insieme. Potete vedere le loro opere qui e qui!

Oggi vi mostro due versioni di questo strumento che facilmente potrete realizzare con poco materiale.

Il primo che vi mostro Salvio l’ha realizzato con un cartoncino, della pasta e dello scotch di carta, io ne sono rimasta veramente sorpresa dal suono. In più ha aggiunto che una matita e un pennarello come battenti, perchè mi ha spiegato che questo strumento va suonato in due modi (i miei piccoli sono veramente creativi!!!), sia facendo scivolare la pasta che battendo.

palopioggia_02

Il secondo è veramente bello guardate com’è curato nel dettaglio, è stato dipinto e ha semi di diversa dimensione al suo interno.

Per costruirlo Salvio ha usato un rotolo di cartone dello scottex che ha chiuso con due cartoncini fioriti, e riempito con perline di varie dimensioni, che dire è fantastico!

palopioggia_03

palopioggia_04

Visto che può sembrare incredibile che con materiale così povero si possano realizzare degli strumenti che suonano bene, vi mostro il loro suono così non avrete piò dubbi se realizzarli o meno 🙂


Che dire penso questo sia uno delle mie più grandi soddisfazioni, quando i bimbi spontanemente cercano, sperimentano e creano strumenti musicali vuol dire che veramente ho raggiunto il mio più grande obiettivo 🙂

Per chi fosse a Capri questo week-end può trovarmi ai giardini della Flora Caprense alle 17.00 un laboratorio per tutti i bimbi “I suoni delle fiabe“, favole da ascoltare e sonorizzare insieme! E’ questo il terzo e ultimo laboratorio dell’estate se volete vedere come sono andati gli altri visitate la pagina di Kaos!

Suonare con un palloncino

Suonare con un palloncino

temporale

Sembra proprio che la primavera tardi ad arrivare, e ancora tante gocce accompagnano il nostro cammino! Scusatemi per questa mia lunga assenza ma in questi mesi sono stata impegnatissima, ed alcuni delle mie creazioni sonore saranno oggetto dei prossimi post.

In tema con le condizioni metereologiche di oggi, vi mostro come realizzare il suono di un temporale con un semplicissimo oggetto. Può essere utile, durante uno spettacolo, per sonorizzare una scena, oppure per accompagnare un brano!

MATERIALE:

  • 1 palloncino
  • fagioli, ceci o lenticchie

Lo strumento ricicloso di oggi, non è altro che un palloncino gonfio, con all’interno una manciata di fagioli!

palloncino

 Scuotendo il palloncino più o meno velocemente potrete creare il suono di un temporale o addirittura di una grandinata. Potrete anche sperimentare diversi suoni, cercando controllare la dinamica, suonando più o meno forte!

Vedrete i bambini di divertiranno un mondo 🙂

Ma con un aplloncino possiamo fare anche altro, e questo sarà oggetto del prossimo post! 🙂

Shaker jambè

Shaker jambè

shaker_jambe_01

Eccoci per il terzo ed ultimo strumento realizzato da un altro piccolo musicista, piccolo ma molto creativo!!! 🙂

Vi ho già presentato lo SCRIGNO SONORO di Federico e la SEA SONIX BOX di Guglielmo, oggi vi mostro lo SHAKER JAMBE’ di Salvio. E’ stata un’emozione indescrivibile quando Salvio è arrivato a scuola con il suo strumento tra le mani, fiero di portarmelo a vedere, non potevo credere ai miei occhi, lui aveva capito tutto! Era arrivato oltre i miei laboratori, mai avrei creduto che tutto il mio riciclo sonoro si sarebbe materializzzato in qualcosa di così bello!

Ma ora vediamo l’originalissima idea di Salvio!

MATERIALE

  • SCATOLA DI CARTONE dei kinder bueno mini
  • SCOTCH di carta
  • pasta

E’ molto semplice realizzarlo, aprite la scatola mettete la pasta all’interno e chiudete con lo scotch! 🙂

shaker_jambe_02

Come già accaduto con due strumenti che vi già presentato, i miei piccoli musicisti cercano di creare oggetti sonori che producano sempre più di un suono, e ci tengono a specificarlo! Infatti lo strumento di Salvio può essere sia uno shaker quanto un mini jambè.

shaker_jambe_03

Per la sua particolare forma, infatti, può essere facilmente essere suonato tra le gambe ed essere percosso con dei battenti o semplicemente con le mani, proprio come un jambè! Oppure può essere suonato sui diversi lati con due semplici pennarelli o pastelli!

Ma non dimenticate che questo strumento è anche una maracas basterà quindi scuoterlo per sentire il suono della pasta custodita al suo interno!

Che dire sono veramente orgogliosa degli strumenti realizzati dai miei piccoli allievi della scuola materna, i bambini sanno trasformare un seme in uno splendido albero! Ogni piccola cosa che gli doni diventa poi qualcosa di veramente grande!

Un grazie di cuore miei piccoli musicisti!

 

 

Sea sonic box

Sea sonic box

seasonicbox_03

Eccomi qui di nuovo per presentarvi la II creazione di un mini musicista, un paio di giorni fa vi ho mostrato lo SCRIGNO SONORO di Federico, ma come vi avevo preannunciato quello era solo il primo di tre post dedicati agli strumenti realizzati dai miei bimbi della materna.

Il secondo l’ho chiamato: SEA SONIC BOX, una scatola sonora che custodisce il suono del mare!

A guardarla sembrerebbe una sempliece scatola di Handy Manny, il magico tuttofare della Disney, ed in realtà lo è apparentemente. E’ proprio una di quei contenitori che vengono utilizzati per la merenda a scuola ma il mio piccolo amico Guglielmo l’ha trasformata in un ingegnoso strumento musicale!

Vediamo come ha fatto!

MATERIALE:

  • SCATOLA DI PLASTICA
  • SALE GROSSO

Il procedimento è semplicissimo: aprite la scatole mettete il sale dentro 🙂

seasonicbox_02

Però anche questa volta il piccolo creatore ha tenuto a precisare che poteva essere prodotto più di un suono, proprio come Federico e il suo SCRIGNO SONORO!

Possiamo infatti produrre diversi suoni:

  1. ONDE – come un piccolo ocean drum , oscillando la scatola sentiremo il dolce suono delle onde sul bagnasciuga.
  2. PASSI – come un piccolo tamburo, possiamo percuoterlo con le mani o anche con due battenti, anche due semplici matite possono andare bene!

Potrei ancora elencarvi almeno altri due suoni che può produrre questo strumento musicale, ma ho voluto attenermi allle proposte dei piccoli creatori musicisti!

A volte da cose semplici nascono fantastiche creazioni! 🙂

A presto con il terzo strumento musicale!!!

Uno scrigno sonoro per augurare Buon anno!

Uno scrigno sonoro per augurare Buon anno!

new_year

Ben 3 anni fa scrissi il mio primo post, e oggi se mi guardo indietro penso che questa sia stata una delle scelte più giuste che io abbia mai fatto!

Grazie  a questo mio piccolo spazio sonoro ho potuto conoscere e confrontarmi con nuove persone, che emozione è stata essere contattata per nuove collaborazioni o consigli…

Ma ciò che oggi voglio mostrarvi è quello che considero la mia più grande soddisfazione dell’anno appena finito!

I miei piccoli amici, che partecipano ai miei laboratori sonori, mi hanno fatto un gran dono anzi più di uno. Hanno colto così bene lo spirito del mio laboratorio, che senza che io dicessi niente, hanno iniziato a portarmi strumenti musicali realizzati da loro con materiale di riciclo. Non potete immaginare il mio orgoglio nel vedere le loro splendide creazioni.

I bambini sanno cogliere nel profondo ciò che gli proponiamo e vedere i loro sguardi curiosi e soddisfatti ripaga di tutta la fatica.

Quindi vi propongo, in tre post, tre creazioni speciali che non potranno non soprendervi!

La prima quella che inaugurerà questo nuovo anno è una scatola luccicante e segreta, un’idea veramente unica!

scrigno_01

La intitolerò: “SCRIGNO SONORO“, perchè luccicante da fuori e misteriosa dentro, non ci crederete ma non ho avuto il coraggio di aprirla completamente! E’ questa un’opera del piccolo Federico, che con soddisfazione me l’ha portata in classe e ciò che mi ha colpito di più è quanta cura avesse messo nel farla!

Ho sbirciato al suo interno, facendo molta attenzione a non romperla, e non immaginate la sopresa che ho provato quando ho visto che il tesoro nascosto da Federico dentro erano delle bellissime NOCI!

scrigno_02

Per realizzarla avrete bisogno di poche cose!

MATERIALE:

  • scatola di cartone
  • noci
  • carta argentata
  • scotch

Il mio piccolo amico ha messo le noci nella scatola di cartone che poi ha ricoperto con la carta argentata, che ha poi chiuso con lo scotch!

scrigno_03

Federico ha tenuto a precisare che questo strumento ha ben 2 suoni, perchè si può suonare in 2 diversi modi:

  1. SCUOTENDOLO, facendo risuonare le noci, come uno shaker
  2. SFREGANDOLO, toccando leggeremente la carta argentata, ottenendo dei suggestivi fruscii.

che dire sono semplicemente rimasta senza parole! 🙂

Penso di aver raggiunto uno dei più ambiziosi obiettivi, tra l’altro inaspettato, pensate che il piccolo Federico ha solo 4 anni!!!

Presto vi presenterò il II strumento che mi hanno portato 🙂

 

Uno strumento musicale tutto estivo: ocean fish

Uno strumento musicale tutto estivo: ocean fish

pesce_ocean-drum_02

Eccoci qui con uno strumento musicale tutto estivo! E con questo concludiamo la serie di strumenti musicali, dedicati alle stagioni che ho preparato per la cara Maestra Velentina. Ne ho costruito infatti uno per l’autunno, uno per l’inverno e uno per la primavera.

E’ più di un mese che lavoro sui suoni dell’acqua e costruisco strumenti che in questa stagione, richiamano mille sonorizzazioni, e non ho saputo resistere nemmeno qui dal presentare uno strumento il cui suono vi porterà il suono dell’onde del mare. Già in passato vi ho parlato dell’ocean drum e di come semplicemente potete costruirne uno con poco materiale, per chi fosse curioso può andare a leggere qui!

Quello di oggi però è diverso, è un vero è proprio personaggio sonoro, un piccolo pesce che ci può essere anche il protagonista di tante avventure fantastiche! E magari potreste utilizzarlo insieme allo squalo sonante o insieme ai tamburi ad acqua!

Vediamo un pò che cosa ci serve per costruirlo:

  • 2 piatti di plastica con fondo ruvido
  • carta di vari colori e fantasie
  • cartoncino
  • lana
  • lenticchie

Per prima cosa decoriamo il piatto cercando di creare le squame, per questo motivo io ho tagliato con la Big Shot tanti cerchietti smerlati con carta di diverse fantasie, da sovrapporre alternati.

pesce_ocean-drum_01

Dopo incollate l’occhio e disegnate la bocca con un pennarello indelebile.

Riempite il piatto inferiore con delle lenticchie o del riso e spillate il piatto superiore inserendo anche le pinne e la coda. Dopo aver spillato incollate un cordoncino, che potrete facilmente realizzare con della lana, per rifinire il tutto!

pesce_ocean-drum

Facendo oscillare i due piatti potrete scoltare il rumore delle onde. Buona estate a tutti io ora inizio una serie di concerti con bambini e i ragazzi di Kaos.

Avrò poco tempo per aggiornare il blog, ma spero, comunque, di riuscire a raccontarvi qualcosa della mia vita sonora nella splendida isola di Capri.

A presto…

Strumento musicale per la primavera: the bird whistle

Strumento musicale per la primavera: the bird whistle

primavera_01

Ciao a tutti, scusate per la lunga assenza ma questo è stato un periodo tremendo! Ieri ci sono stati i concerti di fine anno alla Materna dove insegno, e tra prove, scenografia… non sono riuscita  a fermarmi un attimo.

Così anche questo strumento, pronto da tempo sulla mia scrivania, che avevo preparato per la cara Maestra Valentina  ho finito per mostrarvelo solo oggi! I suoi bimbi della materna stanno realizzando i miei strumenti e sono contentissima! E’ stato così per quello ispirato all’autunno e all’inverno!

Quello che vi presento è uno strumento musicale molto semplice da realizzare, il suo suono richiama sia quello degli uccellini della primavera ma per l’occasione potete anche usarlo per simulare il vento, ed è stato battezzato Bird Whistle, e ringrazio il mio amico Scott per questo nome 🙂

Vediamo di cosa abbiamo bisogno:

  1. tubo corrugato
  2. nastro isolante
  3. cartoncino
  4. occhietti e decorazioni varie
  5. pennarelli acrilici
  6. nastro isolante di vari colori

primavera_02

Il tubo corrugato lo trovate in ferramenta, a seconda della lunghezza logicamente farà un suono diverso, e questo esperimento sarà molto interessante per i bambini! Costruite delle ali di cartoncino che potrete far decorare ai bambini.

Colorate con un pennarello arancione acrilico l’estremità del tupo per simulare un becco, e dopo aver messo gli occhi, incollate le ali.

primavera_03

Io ho vuluto mettere anche un fiorellino per dargli un tocco ancora più primaverile! Infine con nastri isolanti di diversi colori decorate l’altra estremità del tubo dove si avvicinerà la bocca per soffiare, facendo attenzione a coprire la parte che avete tagliato, in questa manieta evitate che i bambini si possano fare male se la plastica è un pò tagliente.

Semplice d’effetto! Ora mi preparo perchè sono in partenza per Roma vado perchè mi hanno chiamato perchè anche loro hanno voluto Riciclando con i suoni e sono emozionatissima!

A presto con lo strumento estivo! E vi promesso che sarà a brevissimo!

Costruiamo una mini cajita!

Costruiamo una mini cajita!

cajita_01

Ciao a tutti!

Come vi ho raccontato nell’ultimo post che stavo organizzando un laboratorio intitolato “Cajita Sound” per una cooperativa di altromercato di Napoli. Il tema, come vi ho raccontato era la Cajita, al tempo stesso strumento musicale e gustosa cioccolata!

Per questa occasione, non potevo non cercare di ricreare questo strumento e così oggi vi mostro come l’ho realizzato.

MATERIALE:

  • 1 scatola di plastica tipo “VIVIDENT”
  • 2 cartoncini
  • adesivi
  • colla

Sarà l’arrivo della primavera ma questa cajita devo dire mi è uscita proprio coloratissima! Per prima ho decorato la scatola con dei cartoncini colorati, e dei piccoli adesivi

cajita_02

La particolarità, di questo strumento è che il suono, com’è facilemente immaginabile cambia quando viene percosso a seconda che il coperto sia chiuso o aperto.

Quindi inutile dirvi che percuoteremo la scatola sulla base 🙂

E per voi una piccola sorpresa guardate e soprattutto “ascoltate” come suona la mia cajita!

Laboratorio sonoro alla cooperativa ‘e pappici: “Cajita sound”

Laboratorio sonoro alla cooperativa ‘e pappici: “Cajita sound”

cajita_locandina

Chi di voi sa cos’è la Cajita?

Sono ammesse due risposte! 🙂

Bhe, prima di tutto è uno strumento a percussione peruviano, una scatola di legno, con una forma a piramide tronca, alta circa 25 cm con un coperchio. Si suona percuotendolo con un battente di legno mentre si apre e chiude il coperchio. E’ anche provvisto anche di un laccio che serve per metterla al collo.

cajita

Ma la cajita è anche una gustosa cioccolata!!! 🙂 Un prodotto dell’Altromercato. No non sto facendo nessuna pubblicità, ora vi spiego il perchè dell’accostamento di queste due cose così apparentemente diverse.

Da diversi anni acquisto prodotti dell’Altromercato, credo che acquistare prodotti del commercio equo e solidale sia fondamentale in una società dove purtroppo non si pensa ai produttori, all’ambiente, alla dignità del lavoro… e questi sono solo alcuni degli aspetti che questo tipo di commercio si inpegna a rispettare.

Qui a Napoli ci sono due botteghe del mondo alle quali sono molto affezionata e si chiamano “E’ pappici“, ci lavorano delle splendide persone che credono in ciò che fanno ed entrare nella loro bottega è come andare a trovare un amico che ti consiglia. Purtroppo la crisi che stiamo tutti vivendo ha colpito anche loro che purtroppo stanno vivendo un periodo difficile, per questo ognuno da una mano come può ed io come potevo rendermi utile?

Con la mia musica e i bimbi logicamente! E quando ho dovuto pensare a cosa proporre, una sola parola mi è venuta in mente “CAJITA”, una parola per unire insieme musica e gusto del commercio equo e  solidale!

Ecco quindi perchè domani a partire dalle 16,30 sarò li, nella bottega dei Pappici, a disposizione di tutti bambini che vorranno venire a suonare per scoprire i segreti della “CAJITA“, suoneremo a suon di cioccolata! 🙂

Allora qualcuno vuole venire a trovarmi? Ci saranno dolci soprese per tutti 😉

pappice_locandina_608