Favola di Natale: Babbo Natale e i folletti del bosco

Cari amici, eccomi qui con la prima favola del mio primo blog! Chi mi conosce bene, sa che amo inventare favole, che uso o durante i miei laboratori di “espressione sonora” o che regalo ai miei amici più cari. Ingrediente spesso presente nelle mie favole sono i folletti,  non riesco proprio a farne a meno!

Quella che vi faccio leggere oggi, è una favola speciale, l’ho inventata per i bambini di un laboratorio che curo, e i suoni e i rumori sono l’essenza di questa storia magica!

Prima di salutare i bambini per le feste natalizie ho donato loro un dvd, con questa favola, che potevano gustare con i loro genitori, scoprendo che proprio loro erano i protagonisti con la loro musica: un collage di parole e suoni! Ho infatti creato una favola sonora con i video dei piccoli, immagino le loro facce quando si sono riconosciuti!

Ma non è tutto questa storia è speciale anche perchè conserva nel suo scrigno uno strumento musicale, che mi è stato regalato da un’amica molto speciale, e che volevo condividere con voi. Vi ho lasciato il link per chi fosse interessato.

Ora mi toccherà impararlo a suonare! Speriamo bene 🙂

C’era una volta in un bosco lontano, dove ogni inverno la neve copriva con il suo manto bianco ogni cosa presente, un villaggio di simpatici folletti. Una sola cosa spiccava, in mezzo agli alberi: il grande albero di Natale che i folletti preparavano pieno di luci colorate, caramelle e tante palline. Ogni mattina, prima di mettersi al lavoro, i folletti si preparavano e gustavano una dolce colazione: nel latte mescolavano bene bene il cioccolato e lo zucchero e una pioggia di dolci biscotti inzuppavano dentro.

Sotto il loro grande albero i folletti giocavano, felici, saltando da un tronco all’altro, potevano correre però solo quando risuonava nel bosco la musica magica! Loro erano i folletti della musica!

Un giorno qualcuno di molto importate li chiamò a rapporto! Solo loro potevano aiutarlo: era Babbo Natale!

Il segnale era forte e chiaro non appena lo sentirono corsero da lui.

Eh si! Babbo Natale aveva bisogno di una mano voleva qualche nuova idea, cosa poteva regalare ai bambini questo natale? Qualcosa di speciale… cosa poteva mettere sotto il camino. I folletti non ebbero dubbi: dei bellissimi strumenti musicali!

E così si misero all’opera! Ognuno si mise al suo tavolo da lavoro e così cominciarono a costruire. Martellarono, segarono, impilarono… finchè tutto non fu pronto! Quanta forza e fatica ci voleva!

Erano pronti, i bambini avrebbero ricevuto dei bellissimi strumenti ora toccava provarli! Splendide melodie uscirono da laboratorio e la magia della musica coinvolse tutti presenti, ora tutto era pronto si poteva partire.

Quando tutto sembrava risolto un nuovo problema si manifestò all’orizzonte: una delle renne di Babbo Natale aveva deciso di non muoversi più.

Occorreva una magia, così di notte i folletti si alzarono zitti zitti e iniziarono spargere polvere di stelle, e con la musica dei loro sax di bamboo tentarono di convincere la renna a ripartire: comparve così uno sciame di libellule che volò intorno alla renna che vide legarsi al collo un bellissimo campanello che avrebbe suonato tutte le volte che si sarebbe mossa!  Ora si che la renna era convinta a ripartire!

Quando finalmente la slitta riprese a volare i folletti contenti salutarono Babbo Natale augurandogli Buon viaggio a loro modo!

2 thoughts on “Favola di Natale: Babbo Natale e i folletti del bosco

  • 8 novembre 2016 at 01:24
    Permalink

    casa mia tutti gli anni arriva il folletto Custode dei regali della mia bambina.. appare una porticina poccola ( fatta da me in legno) giu ingarage…il folletto non sivede ma si annuncia con una campanella e dietro la porta che vs giu in garage lascia le cose…albero luci adfobbi e magie x tutto dicembre…vi farei vedere la gioia della mia bambina… tempo e sforzi piu che ripagati!!!è lamagia del natale

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *